Cos’è il Change Management e quali vantaggi produce

Si sente sempre più parlare di Change Management nell’ambito dell’organizzazione aziendale e, in molti casi, anche abbinato alla Digital Transformation. Per comprendere adeguatamente quali vantaggi possa produrre, è tuttavia necessario partire dalle definizioni e dagli obiettivi di questo approccio.

Possiamo definire Change Management come l’insieme di azioni e attività strutturate col fine ultimo di gestire il cambiamento aziendale. In pratica, in un percorso complesso, multisfaccettato e molto articolato di cambiamento che ricade sull’organizzazione in tutti i suoi aspetti e che impatta fortemente sulla resistenza al cambiamento tipica di molte imprese, il Change Management aiuta a superare tali criticità. E’ importante sottolineare che agisce non soltanto a livello di processi, ma anche e soprattutto sulle persone che formano l’organizzazione, accompagnandole verso nuovi obiettivi e abitudini più virtuose.

In pratica, quindi, effettuare un Change Management equivale a strutturare un vero e proprio percorso di transizione che, a partire dallo stato attuale dell’azienda e dagli obiettivi a tendere, definisce gli interventi necessari, a tutti i livelli, ed il relativo percorso nel rispetto delle priorità concordate.

Il modello 4P del Change Management

Una delle modalità più note per applicare un processo di Change Management è il cosiddetto “modello 4P”, ossia che si muove su quattro pilastri fondamentali:

  • People: inteso come cambiamento del mindset delle persone, che si trovano sempre al centro di qualunque processo di Change Management.
  • Process: inteso come revisione dei processi in chiave più efficace, più evoluta e digitale.
  • Platform: inteso come l’introduzione in azienda delle necessarie tecnologie digitali per il supporto della produttività.
  • Place: inteso come ripensamento dei luoghi di lavoro, per esempio attraverso modalità più moderne come lo Smart Working e l’Activity-based Workspace.
  • Definire e pianificare il necessario cambiamento organizzativo finalizzato all’ottenimento di specifici benefici di business.
  • Garantire che l’organizzazione a ogni livello sia pronta e preparata ad apportare il cambiamento.
  • Implementare il processo di cambiamento.
  • Incorporare il cambiamento nelle prassi interne proprie dell’organizzazione.
  • Mantenere il cambiamento acquisito generando valore per l’impresa.
  • Soddisfazione del cliente: questo fattore è sempre direttamente proporzionale alla performance dell’azienda, e dunque all’efficienza del suo processo di cambiamento inteso come evoluzione. Per essere considerato vincente, un cambiamento dovrà rivelarsi consistente e solido: soltanto in questo modo produrrà un incremento della fiducia nel target di riferimento e della credibilità del brand.
  • Pianificazione di azioni e attività virtuose, senza sorprese: il Change Management prevede che la definizione di specifiche risorse interne incaricate di portare a compimento la pianificazione al cambiamento attraverso la supervisione delle persone che autorizzeranno i processi. In questa serrata catena di controllo, nulla viene lasciato al caso e l’evoluzione dell’organizzazione è definita, pianificata, autorizzata, attuata e monitorata, evitando l’emergere di impatti e criticità dall’effetto imprevedibile.
  • Integrazione con processi già acquisiti: il Change Management può avvenire senza impattare in modo drastico sulle attività quotidianamente svolte all’interno dell’azienda, sulla qualità del lavoro o sul rispetto delle scadenze.
  • Migliore raggiungimento dei risultati: la costruzione della “capacità di cambiare” di un’azienda garantisce maggiore successo nei progetti e nelle iniziative che si rivelano critiche per l’organizzazione. In questo modo, il ROI verrà ottimizzato grazie a un abbattimento dei costi, a una performance migliorata e a una maggiore efficienza delle risorse umane.
  • Maggiore adattabilità a successivi cambiamenti: intesa come resilienza. In un mercato attuale, particolarmente dinamico e in costante evoluzione, migliorare l’abitudine al cambiamento e le metodologie al suo approccio è essenziale per relazionarsi con l’ambiente esterno annullando la “resistenza al cambiamento” così tipica dell’essere umano. Al contrario, il Change Management favorisce, nei membri dell’organizzazione, un’attitudine proattiva, propositiva e positiva all’evoluzione.

Il Change Management è un alleato molto prezioso in un mondo sempre più “mobile”, dinamico e connesso, in particolare quando il raggiungimento di specifici obiettivi di business richiede, necessariamente, il cambiamento delle modalità di lavoro dell’intera organizzazione.

Gli obiettivi del Change Management

Ora che abbiamo compreso cosa sia esattamente il Change Management, passiamo agli obiettivi che si propone di raggiungere attraverso i necessari outcome, ossia i cambiamenti.

Perché Change Management e Digital Transformation sono interconnessi

È corretto indicare il Change Management e la Digital Transformation come due processi fortemente legati tra loro.

In un momento storico come quello attuale, in cui la trasformazione digitale è sul podio tra le ragioni per cui le aziende “cambiano” (era al terzo posto nel 2017, secondo i risultati della survey annuale dell’Osservatorio di Assochange, seguita dall’innovazione tecnologica), è facile capire come la mera introduzione di nuove tecnologie in azienda sia assolutamente inutile senza il necessario cambiamento a livello di organizzazione delle risorse umane.

Se, da un lato, le organizzazioni sono sempre più consapevoli di quanto cruciale sia l’introduzione del digitale in azienda, non sempre sono in grado di definire i corretti processi di trasformazione. Non a caso, in molti casi la Digital Transformation è stata avviata soltanto nella sua fase di definizione, e non ancora in termini di implementazione vera e propria.

Modificare gli schemi mentali attraverso i corretti processi di Change Management è dunque il primo passo per favorire l’introduzione di strumenti digitali più evoluti e, più in generale, di tecnologie più performanti, snelle e agili nella condivisione delle informazioni. In questo senso, quindi, il Change Management agisce come una sorta di acceleratore del cambio culturale che è ingrediente fondamentale della Digital Transformation.

Le organizzazioni possono cambiare soltanto se ad evolvere sono prima di tutto le persone al loro interno. Se il processo di Change Management avviene in modo adeguato, l’azienda evolverà favorendo nuovi equilibri e assetti organizzativi, attraverso procedure conosciute a tutte le figure coinvolte, adeguatamente pianificate, eseguite con metodo e correttamente monitorate.

Quali vantaggi produce il Change Management

Quali sono in vantaggi prodotti da un corretto percorso di Change Management? Rappresentando, favorendo e introducendo concetti come modernità, innovazione e avanzamento tecnologico, i benefit sono ovviamente notevoli.

Ecco i principali.

Scritto da: Redazione HT

1 Aprile 2020
Altre news

HT SAP ACADEMY inizia a ottobre 2022: intraprendi con noi il tuo percorso professionale!

Come l’intelligenza artificiale migliora la produttività aziendale

La migrazione a SAP S/4HANA nell’ottica Industry 4.0

H.T. High Technology: il partner per la Trasformazione Digitale nell’industria Chimica

H.T. High Technology sarà presente a CONNEXT 2021: scopri i dettagli

Che importanza avrà il Cloud Manufacturing nel prossimo futuro?

Scopri cosa possiamo fare
per la tua azienda

Chiedi una consulenza personalizzata
Torna su